Format tra i contribuenti solidali menzionati dal MEF

Tempo fa, all’epoca della prima ondata di questa pandemia che ha sconvolto il 2020, il Governo ha adottato diverse misure per sostenere l’economia e i cittadini. Fra queste il rinvio di diverse scadenze fiscali, per alleviare il peso che molti contribuenti dovevano sostenere in un momento particolarmente complesso.

Andando un po’ controcorrente, avevamo invitato tutte le aziende che ne avevano la possibilità a pagare fornitori e dipendenti, lasciando fuori le questioni di consenso o appartenenza politica e facendo leva sulla responsabilità sociale.

Ci piace raccontarci ed esprimere sui nostri canali digitali anche le nostre opinioni, ma amiamo soprattutto la concretezza del fare. Per questo abbiamo effettuato tutti i pagamenti nei tempi previsti, scegliendo di non avvalerci delle agevolazioni previste dal Decreto Cura Italia.

Qualche giorno fa abbiamo ricevuto una comunicazione che ci ha riempito d’orgoglio, e che vogliamo oggi condividere con voi. Nella nostra casella di posta è arrivata una lettera inviata dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, per comunicarci che Format è stata menzionata dallo Stato tra i “Contribuenti solidali” e inserita nell’elenco pubblicato all’interno del sito del MEF (Ministero dell’Economia e delle Finanze).

“Il contenimento del Coronavirus – ha scritto il Ministro Gualtieri – e dei suoi effetti sulla salute e sulle nostre condizioni di vita è una sfida che non ha precedenti nella storia della nostra Repubblica. Davanti a questo nemico invisibile il Paese si è presentato unito e solidale. Lo dimostra anche il fatto che, nonostante la sospensione dei termini di pagamento decisa dal Governo, molti cittadini in questi mesi abbiano pagato le tasse regolarmente. Possiamo chiamarli contribuenti solidali. Consapevoli che, oggi più che mai, ogni risorsa è necessaria per sostenere la sanità, gli ammortizzatori sociali e gli strumenti che abbiamo messo in campo per fornire sostegno e protezione. A questi contribuenti va il nostro più sincero ringraziamento.”

Un semplice e sincero grazie alle 234 aziende che, nel loro piccolo, hanno deciso di aiutare concretamente lo Stato in un momento difficile come questo.

Siamo orgogliosi di aver supportato l’economia italiana in una delle fasi più critiche per il nostro Paese, che non è ancora finita. Noi continueremo ad affrontarla con lo stesso impegno e la tenacia che abbiamo avuto fino ad ora, cercando di migliorare con i nostri prodotti la qualità della vita delle persone e delle imprese.